Menu

Cart

Insonnia - Quella luce blu che sveglia Featured

IL BLU CHE SVEGLIA

All’interno dell’occhio esistono  dei recettori per la luce, fotorecettori, specificamente creati per distinguere la luce dal buio e quindi sincronizzare“ l’orologio biologico” dentro di noi sul naturale ciclo di luce diurna. Questo sistema utilizza un pigmento che risponde soprattutto alla porzione blu dello spettro luminoso (460 nm). L’uso di smartphone, tablet, tv sembra aumentare il rischio dei pazienti bipolari di stare svegli la notte in quanto la luce blu stimola l’orologio biologico e, come dire, lo “sveglia”.  
 
 
Sappiamo inoltre che il nostro ritmo o bioritrmo quotidian è legato al lavoro di una speciale ghiangola, la pineale che tra le altre cose, regola i livelli di uno speciale ormone che si chiama Melatonina che regola appunto il nostro ritmo sonno veglia. Dal grafico allegato potete vedere i livelli di tale ormone come si sviluppano nell’arco della giornata.  La luce Blu e in particolare quella indiretta 
data dall’uso delle moderne tecnologie porta a modificare questo andamento, specialmente nelle ore notturne portando  il nostro organismo a ridurre la produzione di melatonina e quindi a restare “svegli”.
 

 

 

Last modified onMartedì, 20 Febbraio 2018 17:03
Movimento Salute

• Promozione: Nutraceutica, Dispositivi Medici, Dispositivi protezione individuale
• Diagnostica e consigli di nuovi Trattamenti
• Attenzione alla qualità e alla ricerca scientifica

Website: www.movimentosalute.com

Log In or Register